Misurazione dell'ambiente radio con BTS Tracker

Modulo hardware atto alla misurazione dell’ambiente radio, ossia la copertura reale delle celle telefoniche (BTS, acronimo di Base Transceiver Station) sulla scena del crimine. Durante la misurazione è importante considerare le variabili (es. tempo atmosferico; eventi importanti) che possono incidere in modo importante nella performance della cella e quindi nei risultati ottenibili. La scansione avviene per tutti gli operatori telefonici, allo stesso tempo, e permette di ricostruire potenziali scenari digitali da comparare poi, con la disamina dei tabulati telefonici.

  • 2G/3G/4G tecnologie scansionate per tutti gli operatori telefonici
  • Sensibilità radio accurata (bande, frequenze ecc.)
  • Identificazione di segnali deboli ed entità sconosciute (femtocells, ecc.)
  • Controllo del dispositivo mezzo APP mobile
  • Controllo in tempo reale dell’attività, ossia la scansione in corso
  • Misurazione sul campo e nel veicolo
  • Risultati chiari e disponibili agli utenti, anche non esperti del settore
  • Ricostruzione affidabile dei dati raccolti con visualizzazione su Desktop SW
  • Comparazione dei file di log BTS da diverse misurazioni
  • Validità dei risultati ottenuti e HASH code

 

CASO PRATICO

Il fatto è avvenuto in un’area periferica della città, scarsamente videosorvegliata. Non sono pervenute testimonianze significative.

Com’è possibile verificare l’alibi del principale sospettato, il quale afferma di esser rimasto a casa quella sera?

Gli investigatori possono avvalersi in primis della misurazione della copertura reale delle celle telefoniche, al fine di raccogliere i dati  relativi alla zona d’interesse (si tenga presente che una misurazione attendibile, dovrebbe sempre realizzarsi in condizioni quanto più simili al giorno del fatto). Con i dati raccolti è possibile verificare quali coperture effettivamente coinvolgono l’area e quindi, avanzare una richiesta mirata agli operatori telefonici rispetto al traffico telefonico generato da tali celle. Tale indagine potrebbe evidenziare l’attività del soggetto stesso in quel frangente di tempo, ad esempio l’SMS inviato.

STEP 1

Analisi dell’area d’interesse per verificare l’attività dell’ambiente radio ed evidenziare le celle telefoniche che coprono e possono servire l’area. É di rilevante importanza effettuare le scansioni nelle condizioni quanto più simili al giorno dell’evento e valutare le possibili variabili dell’ambiente radio che possono alterare gli scenari di copertura teorica fornita dall’operatore telefonico.

STEP 2

L’analisi dei log BTS delle scansioni della scena del crimine permette di evidenziare le celle servienti per un’affidabile ricostruzione dello scenario digitale, come ad esempio i possibili spostamenti del sospettato o vie di fuga.

STEP 3

In seguito all’approfondita disamina dei BTS log raccolti, gli investigatori possono porre la propria attenzione solamente nel limitato gruppo di celle telefoniche, chiedendo i tabulati telefonici di queste per una comparazione completa con altre prove digitali attraverso il sistema forense SecurCube® PhoneLog.

Tecnologia per la sicurezza
SecurCube® LTE IMSI catcher detector: MONITORAGGIO PER LA PREVENZIONE DI INTRUSIONI IN OBIETTIVI SENSIBILI

SecurCube® LTE IMSI catcher detector è il dispositivo che permette per il monitoraggio dell’ambiente radio e per la verifica di possibili anomalie, come ad esempio una nuova cella telefonica che può essere identificata come una IMSI catcher che lavora attraverso un proprio codice cella. O, ad esempio, un cambio della potenza del segnale di una cella conosciuta (questo dato è verificabile solo nel caso in cui questa sia stata precedentemente salvata nella lista bianca). Il cambio repentino e notevole di potenza di una cella è riconducibile ad un IMSI catcher che si appoggia al codice di una cella preesistente nell’area.

Clicca qui per saperne di più!